copyright

© copyright 2015

19 ott 2017

La poesia del culo

La poesia del culo
© 2017 
Il culo...
Sublime.
 Divina creazione 
celestiale
paradisiaco
sintesi perfetta di forma e desiderio.        
Chiappe che nel movimento
cantano… ed è il canto dell'universo.
Il Culo...
ipnotico
miracolo piovuto dal cielo per dirci chi siamo
giocondo candor al sapore di panna
soffice nuvola di lussuria
morbido e burroso.
Caldo
 accogliente
dolce dimora per la mente
gioia per gli occhi
delizia per le mani.
A pomodoro..
piccolo e sodo
prezioso rubino
o ancora a mandolino
grande
...abbondante e sporgente
tenuto come in gabbia nelle mutande.
A forma di pesca
corposo di grazia
ma anche a pera
gonfio e fiero
dove c'è culo..c'è casa.
Culo che non hai sesso.
Sei maschio e sei donna
splendor che non perdona
alto basso schiacciato generoso
giovane o anziano
per te comunque vi è sempre un chiodo fisso
un culo è sempre un culo
e merita rispetto.
Culo che meriteresti un dì di festa a te solo dedicato
celebrazione della nuda chiappa
e alla di lei sfrenata palpazione.
Che bel vedere ci sarebbe per le strade
tutti in giro natiche in fuori
gridando a squarciagola
quanto è bello
quanto è bello
evviva il culo
evviva il culo
Nel culo non vi è menzogna..
Quale altra verità può gareggiar con esso?
Ode al culo
giardino proibito
candido..immacolato
semina di peccato
e calice di erotica depravazione.
Sinonimo di fortuna
e abbondanza
leggiadro quand'anche vulcano
di feci e malvagie flatulenze
Culo..
Meraviglia tra le meraviglie
soave immagine densa di piacere
estasi che trascende il corpo
e le regole dello sguardo
a te..va tutta la poesia del mondo.
Culo...
pura arte in movimento.


Questo testo è protetto contro il plagio. 

Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data 

di deposito e/o pubblicazione

Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

-La poesia del culo- © 2017 by arkomfreeflight
is licensed under a Creative Commons Attribuzione –
Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported License.

18 ott 2017

Prima che sia gioro

-© 2016-
Prima che sia giorno
Sgorga folle e lussuriosa la mia voglia
fluida penetra tra le pieghe dell'anima
nelle mani che ardono al desiderio di toccarti.
Dammi i tuoi occhi
le tue mani
il tuo respiro
ma fallo adesso
prima che sia giorno
prima che la luce arrivi e mi porti via
lasciandoti di me solo un vago ricordo.
Respira i miei sospiri
consumami in fretta
mischia la tua pelle alla mia carne
nel fervore di un battito
che picchia nel petto
amplificando sensi e sensazioni 
fa che sia il tuo piacere
il desiderio che infrange ogni ragione
l'istante sublime della tua notte.
Travolgente.
Breve come il tempo che mi resta
prima che il tuo risveglio mi cancelli dal tempo
....prima che sia giorno
Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato 

ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione

Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Prima che sia giorno-© 2016- by–arkomfreeflight-
   is licensed under a Creative Commons Attribuzione –
Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported License
prima che sia giorno pubblicata su


verso l'infinito

© 2017
Verso l'infinito

Parto per un viaggio 
senza più ritorno
un sogno senza più risveglio
e mi lascio dietro chi mi è stato amico
chi mi ha amato e chi non mi ha capito
....tutti i miei guai
e tutte quelle spine conficcate in ogni angolo del cuore.
...Viaggio verso l'infinito...
e non ho voglia di tornare
sento il rumore del mare quieto
vedo il sole che cambia colore
mentre sbatte contro la notte che arriva
e non fa più male
una crisalide diventa farfalla..e vola via con me.
Viaggio verso l'infinito
dove tutto assume un altro senso
e il mondo cambia forma
cambiano le luci
cambia l'aria
il mio respiro è diverso...più leggero
le stelle sono più grandi e luminose
le guardo pulsare
mi entrano negli occhi come delicate goccie d'amore
le sfioro...e loro sfiorano me.
Sono altrove
sono lontano
fluttuo nell'universo
sono distante da ogni dolore
mi guardo intorno e c'è solo pace
un' armonia di silenzi....è dunque questa la morte?


Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.




by Arkom freeflight 
is licensed under a Creative Commons Attribuzione –
Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported License.

04 ott 2017

Universi paralleli


Guarda come sono ridotto.

Cammino di notte per strada da solo

girando a vuoto tra le stelle e i miei sogni

....tra i miei demoni e i miei sbagli.

Guarda come sono ridotto.

Guardo l'asfalto freddo e nero

che si perde nel buio proprio come me...

me...a cui non resta che il cielo

un foglio una penna ed una chitarra.


Ma se mi volto indietro sai...

non ho rimpianti su niente

perché son quello che sono  

e non vorrei essere altro

chi mi ama mi segua

chi mi odia stia pure al suo posto.

Ma se mi volto indietro sai...

rifarei di nuovo tutto uguale

sceglierei di dire sempre le stesse parole

senza cambiare neanche un punto

perché sarei sempre lo stesso

...perché sarei sempre io.

 

Si avvicina un temporale

ma cosa vuoi che sia?

per quelli come me che nella vita

si lavano nel fuoco

in fondo è solo un altra tempesta

vento che mi trascina via

acqua che mi bagna.


Chissà se tutto questo ha un senso?

io che parlo con me stesso

entro ed esco da un verso

che non è mai quello giusto.

Guarda come sono ridotto.

Si è fatto giorno...

 e nemmeno me ne sono accorto

a volte il tempo passa in fretta

va veloce e non aspetta.

Mentre torno a casa tra le luci dell'alba

mi frulla in testa una domanda

chissà se esiste un altro universo

..un altro me migliore

che finalmente ha imparato ad amare



Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.


-universi paralleli-© 2017 by arkomfreeflight

is licensed under a Creative Commons Attribuzione –

Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported License. 

22 lug 2017

Chester....il grido di un addio


Chester...Il grido di un addio


La tua voce come un tuono.

Un esplosione di rabbia e rivalsa

urla che mi innalzavano tra le fiamme

e riducevano il male in  cenere.

La tua sofferenza che annientava la mia.

mano a cui mi aggrappavo sempre

per non sprofondare nell'abisso.

Con te restavo in piedi e non cadevo.

Artista d'acciaio

ma uomo fragile

la tua poesia così disperata

dirompente e travolgente

tanto da far tremar i pilastri del mondo

ma anche dolce e delicata…

diventava per me un comodo letto

su cui cullarsi nelle notti d'inferno

riparo sicuro in mezzo alla tempesta.

Un male invisibile ti strisciava dentro

un dolore che non ha forma

non ha contorni

un demone nascosto

che vien fuori nelle notti più buie

quando si è soli con le proprie lacrime

i propri tormenti

e che ti trascina via…sempre più a fondo

sempre più giù

e in un istante…non ci sei più.



Questo testo è protetto contro il plagio.
 e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

-Chester...il grido di un addio- © 2017 by arkomfreeflight

is licensed under a Creative Commons Attribuzione –

Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported License


16 lug 2017

A San Lorenzo...

A San Lorenzo...

Scivola la notte sulla città muta

trionfo di stelle che danzano e brillano 

come lucciole in amore.

Occhi che osservano incantati

con spirito pellegrino 

a dorso di scie luminose

vanno a caccia di desideri e risposte

spingendo il cuore

 oltre i confini del corpo

laddove solo la mente può arrivare

e solo il pensiero ha respiro.

Sogni che volano sui sentieri dell'universo

ove con inchiostro lucente

 è scritto il principio di tutto.

Pagine e pagine di cosmiche meraviglie

tenute a battezzo solo dal tempo

eventi lontani nella luce

le cui tracce natie giungono a noi

come dolci note di violino

passando tra i disegni di orbite 

sconosciute

lente e mansuete

dove forse altri destini stanno per nascere

o già vivono

e guardano a noi 

come noi guardiamo a loro

per non sentirci soli e perduti. 



-A San Lorenzo- © 2017 by arkomfreeflight

is licensed under a Creative Commons Attribuzione –

Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported License.