copyright

© copyright 2015

22 lug 2017

Chester....il grido di un addio


Chester...Il grido di un addio


La tua voce come un tuono.

Un esplosione di rabbia e rivalsa

urla che mi innalzavano tra le fiamme

e riducevano il male in  cenere.

La tua sofferenza che annientava la mia.

mano a cui mi aggrappavo sempre

per non sprofondare nell'abisso.

Con te restavo in piedi e non cadevo.

Artista d'acciaio

ma uomo fragile

la tua poesia così disperata

dirompente e travolgente

tanto da far tremar i pilastri del mondo

ma anche dolce e delicata…

diventava per me un comodo letto

su cui cullarsi nelle notti d'inferno

riparo sicuro in mezzo alla tempesta.

Un male invisibile ti strisciava dentro

un dolore che non ha forma

non ha contorni

un demone nascosto

che vien fuori nelle notti più buie

quando si è soli con le proprie lacrime

i propri tormenti

e che ti trascina via…sempre più a fondo

sempre più giù

e in un istante…non ci sei più.



Questo testo è protetto contro il plagio.
 e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

-Chester...il grido di un addio- © 2017 by arkomfreeflight

is licensed under a Creative Commons Attribuzione –

Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported License


16 lug 2017

A San Lorenzo...

A San Lorenzo...

Scivola la notte sulla città muta

trionfo di stelle che danzano e brillano 

come lucciole in amore.

Occhi che osservano incantati

con spirito pellegrino 

a dorso di scie luminose

vanno a caccia di desideri e risposte

spingendo il cuore

 oltre i confini del corpo

laddove solo la mente può arrivare

e solo il pensiero ha respiro.

Sogni che volano sui sentieri dell'universo

ove con inchiostro lucente

 è scritto il principio di tutto.

Pagine e pagine di cosmiche meraviglie

tenute a battezzo solo dal tempo

eventi lontani nella luce

le cui tracce natie giungono a noi

come dolci note di violino

passando tra i disegni di orbite 

sconosciute

lente e mansuete

dove forse altri destini stanno per nascere

o già vivono

e guardano a noi 

come noi guardiamo a loro

per non sentirci soli e perduti. 



-A San Lorenzo- © 2017 by arkomfreeflight

is licensed under a Creative Commons Attribuzione –

Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported License. 

11 lug 2017

Ancora un attimo


Ancora un attimo

Ancora un attimo

un ultimo assaggio di pace 

che onori questa notte

tenera solitudine di silenzio e quiete

mano amica sulla mia schiena

mentre il pensiero vola via leggero

finalmente libero

sereno.

Un attimo... nel lungo respiro del tempo

un soffio di tempesta...

una stella che nasce e muore

un sorriso prima della fine.

Ancora un attimo e poi sarò sazio

e poi le dirò addio

e guarderò i suoi capelli allontanarsi via 

veloci come scie di comete

saluterò il suo odore

il suo volto

e tutto ciò che di questa vita le appartiene

la vedrò sparire nell'aria 

come fosse un soffio

un alito caldo in una vita di gelo

....un epifania.

Ancora un attimo

per le tante parole

per le carezze

per gli sguardi che tenevamo solo per noi

tacite intese di mute complicità

e le pazzie che addomesticavi e rendevi ...

normali

ancora un attimo.

Le acque si muovono piano

avanti e indietro sul bagno asciuga

come dolci riminiscenze che si susseguono

sulle orme del nostro passato

come i tanti addii 

che son partiti e poi ritornati

e vorrei che questo fosse uno di quelli..

...ma non lo è!

questo addio sarà un addio 

lanciato nell'universo

e lì sarà impresso

 come una costellazione...

sarà la nostra costellazione.






Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazioneChi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

-Brava- © 2017 by arkomfreeflight

is licensed under a Creative Commons Attribuzione –


Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported License. 

08 lug 2017

Brava

Brava
Brava...
con quelle vesti da donna diversa
così bene indossate ed osteggiate
e quell'aria spaesata quasi spaventata
come da stella caduta per sbaglio sulla terra.
Pregiata perla trovata per caso
tra milioni di falsi
per volere di chissà quale Dio
o per ricompensa di chissà quale buona azione
dopo il primo sguardo venne logico pensare
ma poi il vino tornò all'oste
e la realtà ti raggiunse.
Brava per aver confuso così bene la mia mente
con il tuo pregiato talento per l'inganno e la menzogna
che ad arte mescolavi con la verità
così come al terra all'orizzonte fa con il cielo e il mare.
Ma nulla si può nascondere alla verità!
Solo ciò che non accade..non accade davvero.
Solo ciò che non esiste ...non esiste davvero.
Solo ciò che non si fa si può negare.
E quindi brava!
brava per il tuo gioco
il tuo saperti muovere silenziosa
senza lasciare traccia del tuo furtivo passaggio
da letto a letto.
Brava nel tuo fingere 
che a volte convinceva persino anche te
finché poi non arrivava il buio
e con esso il gelo
e la solitudine di uno specchio che strappa via il velo
mostrando il reale volto
nudo e crudo davanti al suo riflesso.
Brava per essere riuscita a tirare i fili
tenendo in piedi il tuo teatrino
così a lungo e con tante abilità
ma i fili poi si sa..alla fine si tranciano
e i burattini fin lì inconsapevoli strumenti di comando
si liberano
e con occhi finalmente aperti guardano
e finalmente vedono.

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazioneChi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

-Brava- © 2017 by arkomfreeflight

is licensed under a Creative Commons Attribuzione –

Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported License. 

23 mag 2017

Vergogna


Non ho più fiato né respiro da dare
alla tua ormai sagoma gelida
che si frappone tra me e la fuga.
Spirito vuoto
che in me non ha più alcun retaggio.
Corpo in vendita
scarto fra gli scarti
avanzo di rifiuti.
Svelata la tua vera essenza
Si palesa così nitida la tua natura veritiera
fin qui celata con superbia maestria artigiana
sotto quegli strati d'angelo
che sfoggiavi lungo il giorno
dietro cui ti nascondevi
senza che il mondo avesse occhi del tuo inganno.
Seme di menzogna.
Sangue intriso di veleno.
Anima sporca.
Lucida ragione di male...
 adesso dimmi…
Come si sta tra le carogne?
Tolti i veli dei tuoi raggiri
trasudi quasi pena
mentre in me non nasce ira
ne voglia di alzar dito
l'averti messa a nudo diventa il tuo castigo
e la mia gioia.
Per me non vi sarà vendetta
né rancore.
lo specchio..lui solo sarà il tuo fustigatore
egli farà certo bene il suo dovere
ti sarà boia e cappio
per il resto della vita




Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

-vergogna- © 2017 by arkomfreeflight

is licensed under a Creative Commons Attribuzione –

Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported License.


18 mag 2017

le notti dell'abbandono

© 2017
Mi tengo a bada
Imbroglio e sbroglio dinnanzi al lupo
ai piedi di una notte senza sonno
che sale su col sapor d’assenzio
Tra le pieghe di un lenzuolo sgualcito.
Io..tra le mie innumerevoli vite
accatastate nell'anima
e tu..con i tuoi discorsi sul vento e la follia.
Noi con le nostre ferite
la tua grazia
e la mia pazzia
dolce metà di ogni mio respiro
tenera amante in questo letto
che ogni angolo dipingi col tuo sapore.
Ti inseguo
ti perdo
e poi ti ritrovo
candida come corolla
noi…
sorpresi da un addio
da un destino che della fine non fece previsione
né la temeva
che ora sfoga in una lacrima
nuda
per te e per la luna.





-le notti dell'abbandono- by arkomfreeflight
is licensed under a Creative Commons Attribuzione –
Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

16 mag 2017

girotondo tra le stelle

© 2017

Le stelle stanno lì
milioni di miliardi..
nell'universo brillano
danzano e si scontrano.
E noi..quaggiù persi
minuscoli e indifesi
andiamo avanti e indietro
convinti che sia tutto.
Come se non ci fosse altro
oltre a noi tra inferno e paradiso.
Ma in fondo forse tutto non lo è.
Forse la favola è diversa
e lassù da qualche parte esiste un'altra terra
un'altro io un'altra te
che stanno ancora insieme
o che magari ancora non si sono mai incontrati.
Come ogni volta immagino
quegli angoli oltre il cielo
lontani dai limiti degli occhi miei che guardano
si chiudono e poi piangono.
Ma per fortuna c’è la mente
lei..non ha confini
senza badare a niente
viaggia senza ostacoli.
Ed è lì..tra quei sentieri che si scopre la magia
poesia di un sogno
che al risveglio non va via
si cuce sulla pelle
nell'anima e nel cuore
che ancora han voglia di volare 



-Girotondo tra le stelle- by arkomfreeflight


Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.